Pulire o non pulire il fotovoltaico?

Pulire o non pulire il fotovoltaico?

Perché molti utenti di impianti fotovoltaici credono che non debbano essere lavati e puliti? Perché il mito secondo cui i moduli saranno lavati dalla pioggia e l’energia scorrerà da essi come una mitica ”macchina del moto perpetuo”?

Nel mondo dell’energia sostenibile, dove il solare fotovoltaico sta giocando un ruolo sempre più importante nel mix energetico globale, persistono molti miti e malintesi. Uno di questi miti è la convinzione che i pannelli solari non abbiano bisogno di essere puliti. In questo articolo spieghiamo perché si tratta di un’idea sbagliata e quali sono i vantaggi di un lavaggio regolare dei pannelli fotovoltaici.

Il mito dei pannelli autopulenti. Pulire o non pulire il fotovoltaico?

È opinione diffusa che i pannelli fotovoltaici siano “autopulenti” perché la pioggia lava via la maggior parte dell’inquinamento. Sebbene la pioggia possa aiutare a rimuovere lo sporco sciolto, come polvere e foglie, non è in grado di gestire efficacemente lo sporco più difficile, come gli escrementi degli uccelli o la polvere industriale accumulata. Questo tipo di inquinamento può ridurre significativamente l’efficienza dei pannelli, poiché impedisce alla luce solare di raggiungere le celle fotovoltaiche.

Perché lavare i pannelli?

  1. Aumentare l’efficienza: I pannelli sporchi possono generare il 15-25% di energia in meno rispetto ai pannelli puliti. Una pulizia regolare assicura che i pannelli funzionino con la massima efficienza possibile.
  2. Prolungamento della vita: Lo sporco può causare corrosione e altri danni alla superficie dei pannelli. I pannelli puliti sono meno soggetti a danni e possono durare più a lungo.
  3. Condizioni di garanzia e assicurazione: Alcuni produttori di pannelli o compagnie assicurative possono richiedere una pulizia regolare come condizione per il mantenimento della garanzia o della polizza assicurativa.

Come e quando pulire i pannelli?

La pulizia dei pannelli fotovoltaici è relativamente semplice, ma richiede il rispetto di alcune regole:

  • Frequenza: si consiglia di ispezionare e pulire i pannelli almeno una volta all’anno, anche se in alcune aree (ad esempio in prossimità di strade dove l’inquinamento atmosferico è maggiore) potrebbe essere necessaria una pulizia più frequente.
  • Metodi: Utilizzando una spazzola o un panno morbido e acqua pulita, eventualmente con un detergente delicato. Evita i prodotti abrasivi che possono graffiare la superficie dei pannelli.
  • Sicurezza: la pulizia dei pannelli, soprattutto di quelli collocati sui tetti, deve essere effettuata con precauzioni di sicurezza per evitare cadute e altri incidenti.

Sebbene sia diffuso il mito dell’autopulizia dei pannelli fotovoltaici, la realtà del funzionamento degli impianti fotovoltaici dimostra che una pulizia regolare e corretta è essenziale per mantenerne l’efficienza e la longevità.

L’investimento nella pulizia regolare dei pannelli fotovoltaici si ripaga non solo con una maggiore efficienza, ma anche con una migliore sicurezza finanziaria e tecnica per l’intero sistema. I pannelli puliti sono pannelli efficienti e questo si traduce in un maggiore risparmio e in una minore impronta di carbonio.

Stai progettando di costruire il tuo impianto fotovoltaico o stai cercando una società di servizi O&M?

Vuoi acquistare un progetto fotovoltaico o eolico e hai bisogno di un audit/due diligence efficiente e professionale?

Stai cercando un riciclatore di pannelli fotovoltaicio un’azienda che pulisca impianti e fattorie fotovoltaiche?

Se sei pronto ad agire,
allora lo siamo anche noi!

Chiamaci! + 48 797 897 895

+48 797 897 895